fbpx

AZIENDE

Formazione online Apprendistato Professionalizzante Art.44

Apprendistato professionalizzante

Lunedì, 23 Settembre 2019 11:03

L'apprendistato professionalizzante Art.44 è un contratto di lavoro, finalizzato al conseguimento di una qualifica professionale.

Normativa di riferimento - D.Lgs. 81/2015
- D.g.r. 23 dicembre 2015 - n. X/4676 - Disciplina dei profili formativi del contratto di apprendistato
Destinatari - soggetti di età compresa tra i 18 e i 29 anni
- soggetti beneficiari di indennità di mobilità o di un trattamento di disoccupazione, senza limiti di età.

FORMAZIONE BASE E TRASVERSALE – STANDARD MINIMI
DURATA MINIMA In base al titolo di studio posseduto dall’apprendista al momento dell’assunzione:
-120 ore per gli apprendisti privi di titolo, in possesso di licenza elementare e/o della sola licenza di scuola secondaria di I grado (cd. licenza media);
- 80 ore per gli apprendisti in possesso di diploma di scuola secondaria di II grado o di qualifica o diploma di istruzione e formazione professionale;
- 40 ore per gli apprendisti in possesso di laurea o titolo almeno equivalente
RIDUZIONE DELLA DURATA - eventuale acquisizione di un titolo di studio nel corso del contratto di apprendistato;
- crediti formativi acquisiti mediante partecipazione, in precedenti rapporti di apprendistato, ad uno o più moduli formativi coerenti con la normativa vigente; la riduzione oraria della durata della formazione corrisponde alla durata dei moduli già frequentati.
in alternativa:
- presso un organismo accreditato per la formazione in apprendistato in Regione Lombardia;
- presso il luogo di lavoro

Contenuti:
Selezione di moduli formativi dedicati a contenuti delle sezioni “Competenze di base” e “Competenze trasversali” del Quadro Regionale degli Standard Formativi (QRSP= Quadro Regionale degli Standard Professionali) con particolare riferimento ai temi afferenti a:
- sicurezza nell’ambiente di lavoro;
- organizzazione ed alla qualità aziendale;
- relazione e comunicazione nell’ambito lavorativo;
- diritti e doveri del lavoratore e dell’impresa, legislazione del lavoro, contrattazione collettiva;
- competenze digitali;
- competenze sociali e civiche.
I contenuti devono essere declinati in considerazione del profilo formativo contrattuale, del livello di scolarità dell’apprendista e delle competenze di base e trasversali acquisite nei percorsi IeFP certificate ai sensi della normativa regionale
SPAZI IDONEI - Distinti da quelli normalmente destinati alla produzione di beni e servizi
AVVIO - di norma nelle fasi iniziali e comunque entro 6 mesi dall’assunzione
METODOLOGIA - possibile FAD (modalità da stabilire con successivi provvedimenti)
VALUTAZIONE - Devono essere previste modalità di verifica degli apprendimenti.

FORMAZIONE TECNICO PROFESSONALE
PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE è obbligatorio esclusivamente in relazione alla formazione
per l’acquisizione delle competenze tecnico-professionali e specialistiche

FORMAT - può essere definito anche sulla base di moduli e formulari
Stabiliti dalla contrattazione collettiva o dagli enti bilaterali di cui all’articolo 2, comma 1, lettera h), del decreto legislativo
n. 276 del 2003 (in mancanza: vedi allegato al D.Lgs. 81/2015)

RESPONSABILITA’ - La formazione professionalizzante è svolta sotto la responsabilità del datore di lavoro come da CCNL specifico

REGISTRAZIONE DELLA FORMAZIONE - Fascicolo elettronico del lavoratore” di cui all’articolo 14 del D.Lgs. 150/2015 (non ancora disponibile)


APPROFONDISCI L'OFFERTA DEI CATALOGHI PROVINCIALI

APPRENDISTATO VARESE

appva

Apprendistato

Giovedì, 06 Luglio 2017 07:35

Apprendistato: tipologie di contratti e tipologie.

Apprendistato per la qualifica

Giovedì, 06 Luglio 2017 07:32

L'apprendistato per la qualificaArt.43 è un contratto di lavoro, finalizzato alla formazione ed al conseguimento di un titolo di studio.

Per poter mettere in atto questo contratto, sono necessari 3 soggetti

  1. Le imprese di tutti i settori che nel loro CCNL prevedano l’apprendistato
  2. I giovani di età compresa tra i 15 e i 25 anni che debbano conseguire un titolo di studio
  3. I centri di formazione professionale

Il contratto di apprendistato si caratterizza come un metodo per conoscere e valutare le persone da assumere attraverso una preliminare esperienza ed è sostenuto da incentivi per le aziende:

  • diminuzione dell’aliquota contributiva
  • sgravi contributivi e fiscali
  • vantaggi nella retribuzione
  • erogazione di bonus per l’assunzione

Enaip Lombardia è stata protagonista della prima sperimentazione di Regione Lombardia per l'applicazione della nuova normativa, attivando nell'anno formativo 2015/16 oltre 60 contratti diventati l'anno successivo circa 200, numeri già raggiunti anche nel corso di quest'anno.

Forte di questa esperienza - e della storica collaborazione con le aziende del terriotorio per l'attivazione di stage e tirocini formativi - Enaip Lombardia si propone come partner affidabile per la gestione dell'attivazione di contratti di apprendistato all'interno dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale.

Per conoscere le principali caratteristiche e gli adempimenti necessari per l’attivazione di un contratto di apprendistato per la qualifica art.43, rimandiamo ad alcuni utili strumenti:

GUIDA APPRENDISTATO un documento dedicato alle aziende e agli operatori del settore, realizzato e costantemente aggiornato da AEF Lombardia - Associazione Coordinamento degli Enti di formazione professionale della Lombardia - nell’ambito dell’Azione di Sistema Master, che ha anche prodotto interessanti contributi video sulle esperienze di apprendistato (canale youtube di AEF Lombardia)

SKILL n.0 - L'APPRENDISTATO E LE SUE FORME, un numero monografico della rivista di Enaip Lombardia Skill interamente dedicata all'apprendistato ed alle sue diverse e possibili applicazioni.

Tramite l’apprendistato possono essere conseguiti:

- qualifica professionale
- diploma professionale
- diploma di istruzione secondaria superiore
- certificato di specializzazione tecnica superiore

PER I RAGAZZI

I ragazzi potranno conseguire un titolo di studio e contemporaneamente inserirsi nel mondo del lavoro usufruendo di spazi adeguati alla formazione pratica e teorica dei giovani, strumenti tecnico-professionali conformi alle normative e tutor aziendali dedicati all’affiancamento degli apprendisti.

PER LE AZIENDE

Le aziende che assumeranno apprendisti otterranno incentivi e sgravi oltre a bonus fiscali nel caso decidano di assumere i ragazzi al termine del contratto di apprendistato.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sistema Duale

Giovedì, 06 Luglio 2017 07:32

In Italia, l'istruzione è obbligatoria fino ai sedici anni (Leg​ge n. 296/2006, art.1, co. 622) e si completa con il "diritto-dovere" all'istruzione e alla formazione (Decreto Legislativo n. 76/2005​) finalizzato a consentire il conseguimento di un titolo di studio di istruzione ​secondaria superiore o di una qualifica professionale di durata almeno triennale entro il diciottesimo anno di età.

Al termine della scuola secondaria di primo grado, i ragazzi possono scegliere di proseguire gli studi in un percorso dell'istruzione secondaria di secondo grado (articolato in licei, istituti tecnici e istituti professionali) o nel sistema di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP), di competenza regionale, che rilascia una qualifica triennale o un diploma quadriennale.

L'alternanza scuola-lavoro è una metodologia didattica, introdotta nel sistema educativo dall'art. 4 della l. 53/2003​ con l'obiettivo di arricchire i percorsi del secondo ciclo con competenze spendibili nel mercato del lavoro.​

I percorsi in alternanza scuola-lavoro sono organizzati sulla base di convenzioni tra l'istituzione scolastica o formativa e il soggetto ospitante, che li regolamentano alternando periodi in aula e in contesti lavorativi, nel rispetto del profilo educativo del percorso ordinario (d.lgs n. 77/2005​). Nell'ambito dell'alternanza la permanenza dei giovani in contesti lavorativi non si configura come un rapporto di lavoro: i giovani mantengono lo status di studenti e la scuola o l'istituzione formativa è responsabile dell'intero percorso.

L'apprendistato si articola in tre tipologie:

- apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore, per i giovani dai 15 anni fino al compimento dei 25​, finalizzato a conseguire di una delle predette qualificazioni;
- apprendistato professionalizzante, per i giovani dai 18 e i 29 anni compiuti, finalizzato ad apprendere un mestiere e a conseguire una qualificazione professionale di cui alla contrattazione collettiva;
- apprendistato di alta formazione e ricerca, per i giovani dai 18 e i 29 anni compiuti, finalizzato al conseguimento di titoli di studio universitari e dell'alta formazione, compresi i dottorati di ricerca, i diplomi relativi ai percorsi degli istituti tecnici superiori, per attività di ricerca nonché per il praticantato per l'accesso alle professioni ordinistiche.

Le imprese che assumono con il contratto di apprendistato hanno accesso a benefici retributivi e contributivi.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

IN PRIMO PIANO